Struttura italiana per il Giant Magellan Telescope

Rappresentazione artistica del futuro Giant Magellan Telescope. Crediti: Gmto Corporation

Il Gruppo italiano Camozzi, tramite la società interamente controllata Ingersoll Machine Tools che ha sede a Rockford (Illinois), ha siglato un accordo – in collaborazione con Mt Mechatronics, con sede a Magonza (Germania) – con Gmto, l’ente che si occupa di promuovere la realizzazione del Giant Magellan Telescope (Gmt) per conto dei suoi fondatori statunitensi e internazionali, per la costruzione della struttura di precisione in acciaio del telescopio.

Il Gmt è un osservatorio a infrarossi di ultima generazione con diametro 24,5 metri pensato per esplorare le frontiere dell’astronomia cercando evidenze di forme di vita oltre il Sistema solare e in grado di cambiare la storia delle esplorazioni spaziali. Il telescopio sarà collocato all’Osservatorio Las Campanas, nel deserto di Atacama, in Cile.

Ingersoll Machine Tools – spiega il Gruppo Camozzi – produrrà, assemblerà e testerà il meccanismo di precisione di acciaio da 1.300 tonnellate che dovrà sostenere la parte ottica e gli specchi del Gmt e che seguirà il movimento dei corpi celesti tenendone traccia. Mt Mechatronics sarà responsabile invece della progettazione, della meccanica e del sistema di controllo del telescopio. La struttura del telescopio sarà testata dalla Ingersoll prima di essere consegnata ed installata all’osservatorio Gmt nelle remote Ande Cilene.

Il valore totale dell’accordo – riporta Askanews – ammonta a 135 milioni di dollari, il più grande investimento realizzato a oggi da Gmto, arrivato al termine di una gara competiviva mondiale. «Siamo felici di lavorare per creare un apparato scientifico esclusivo e rivoluzionario per lo studio del cosmo profondo», ha dichiarato Lodovico Camozzi, presidente e amministratore delegato di Camozzi Group. «Il progetto riempie di orgoglio e motiva tutti noi di Camozzi ed è un importante riconoscimento alle tecnologie più avanzate del nostro gruppo. Siamo inoltre soddisfatti di essere stati prescelti in una competizione fra i gruppi più importanti a livello internazionale».

«La costruzione della struttura del telescopio è uno degli step principali da intraprendere per la costruzione del Giant Magellan Telescope», ha affermato Robert N. Shelton, presidente di Gmto. «Abbiamo scelto Ingersoll Machines Tools e Mt Mechatronics per la loro grande specializzazione nella produzione di complesse strutture di precisione e nell’eccellenza dimostrata nella realizzazione qualitativa e temporale, dopo due anni di competizione a livello globale», ha aggiunto James Fanson, project manager di Gmto.

La struttura del telescopio manterrà in posizione i sette specchi giganti del Gmt quando metteranno a fuoco la luce di stelle e galassie distanti perché possa essere analizzata dalla strumentazione scientifica collocata all’interno del telescopio. Gli specchi, i più grandi al mondo, sono realizzati al Richard F. Caris Mirror Lab dell’Università dell’Arizona. La struttura del telescopio completa di specchi e di tutta la strumentazione peserà 2.100 tonnellate e galleggerà su un film d’olio spesso solo 50 micron, che ne garantirà il movimento senza attrito per compensare la rotazione terrestre e seguire i corpi celesti nel loro arco attraverso il cielo. Questa tecnologia “idrostatica” applicata a tali strutture fu brevetta vari anni fa da Innse, azienda del Gruppo Camozzi, riconosciuta a livello mondiale per questa tecnologia. Con il suo design unico, il Gmt produrrà immagini che nella sezione infrarossa dello spettro avranno una risoluzione dieci volte superiore a quelle dello Hubble Space Telescope.

«Sarà un giorno speciale quando la struttura del Gmt sarà completata e posizionata in Cile, parte di uno fra i progetti più complessi e affascinati per la comunità scientifica mondiale», ha detto Chip Storie, Ceo di Ingersoll Machine Tools. L’accordo tra Gmto e Ingersoll Machine Tools richiederà 9 anni di lavoro e 1300 tonnellate di acciaio. La struttura sarà consegnata in Cile alla fine del 2025 e dovrebbe essere pronta per il posizionamento degli specchi nel 2028.

«Già nel 2016 l’Eso aveva aggiudicato al consorzio industriale italiano Ace un contratto da 400 milioni di euro per la costruzione dell’Extremely Large Telescope, il più grande telescopio al mondo», ricorda Nichi D’Amico, presidente dell’Istituto nazionale di astrofisica. «E ancora prima, per citare uno dei grandi telescopi concepiti dall’Inaf, la montatura metallica da oltre 900 tonnellate del Large Binocular Telescope, in Arizona, fu costruita proprio dalla Ansaldo Camozzi: un parallelepipedo alto 25 metri, largo 18 e profondo 12, che era valso al gruppo italiano una importante commessa».

«La partecipazione del Paese alle grandi sfide tecnologiche dell’astrofisica moderna è ormai un asset consolidato di prestigio internazionale», continua il presidente D’Amico, «importanti commesse per la realizzazione di questi impianti sono appannaggio ormai da diversi anni delle aziende italiane, con un ritorno economico per il Paese che supera largamente il capitale pubblico investito in questa disciplina, oltre che generare innovazione».

«Oggi è il turno del Giant Magellan Telescope, commissionato all’azienda italiana dal Consorzio scientifico e accademico americano che ne ha promosso la realizzazione. Non possiamo che esprimere soddisfazione per questo ulteriore successo. Ci congratuliamo con il Gruppo Camozzi, è un successo che continua ad affermare il ruolo di prestigio del Paese in un settore a elevatissimo contenuto tecnologico della scienza moderna. Il circuito industriale nazionale è in prima linea nella realizzazione di questi impianti; l’Inaf è fra i primi Enti al mondo nello sviluppo delle tecnologie e della scienza di riferimento, e questo vuol dire fare sistema», conclude D’Amico.

Per saperne di più: