Zoom: annullato l’aggiornamento in seguito alle ultime lamentele

Zoom ha annullato l’aggiornamento con le nuove funzionalità e si concentrerà invece sulla sicurezza e il rispetto della privacy. Il fondatore e amministratore delegato dell’azienda Eric Yuan si è scusato con gli utenti dopo una serie di problemi riscontrati.

Yuan ha delineato un piano per migliorare la sicurezza dell’app entro i prossimi 90 giorni. Ha ammesso che l’app ha lottato con il vasto numero di nuovi utenti dovuti a questo periodo d’emergenza. L’azienda non aveva previsto un tale successo. “A partire dalla fine di dicembre dello scorso anno, il numero massimo di partecipanti giornalieri, sia gratuiti che a pagamento, su Zoom era di circa 10 milioni. A marzo abbiamo raggiunto oltre 200 milioni di utenti al giorno” ha dichiarato Yuan in un post sul blog. Oltre a un rapido aumento dell’utilizzo della piattaforma, l’attenzione è ricaduta su una serie di bug di sicurezza e privacy all’interno dell’app.

Zoom si impegnerà per risolvere i problemi relativi alla privacy, accantonati per ora i progetti sulle nuove funzionalità

Supportare l’arrivo di così tanti nuovi utenti è stata una’impresa e Yuan ha riconosciuto che la piattaforma non ha rispettato a pieno le normative di sicurezza. Tra i problemi c’è la possibilità fornita da Zoom di lasciare le riunioni aperte a chiunque a meno che non siano bloccate dall’host. Ciò ha costretto l’azienda a pubblicare una guida online su come proteggersi durante le chiamate.

Gli esperti di sicurezza informatica hanno anche sollevato preoccupazioni in merito alle pratiche di Zoom in passato, come i difetti precedenti e le funzionalità ora modificate, incluso uno strumento che ha permesso agli host delle riunioni di verificare se altri partecipanti cliccano su un’altra finestra sullo schermo durante la chiamata. Inoltre, sono state rilevate attività di hackeraggio delle webcam. “La trasparenza è sempre stata una parte fondamentale della nostra cultura”, ha affermato Yuan. “Mi impegno a essere aperto e onesto riguardo alle aree in cui stiamo rafforzando la nostra piattaforma e alle aree in cui gli utenti possono prendere le proprie misure di sicurezza per proteggersi.”

Apple Store: negli Stati Uniti rimarranno chiusi fino all’inizio di maggio

Gli abitanti degli Stati Uniti, non possono aspettarsi che l’Apple Store più vicino a casa loro riaprirà presto. In un promemoria ottenuto da Bloomberg, L’SVP di Apple Deirdre O’Brien ha dichiarato ai dipendenti che i suoi negozi al dettaglio rimarranno chiusi fino all’inizio di maggio a causa dell’epidemia di Coronavirus. Le procedure di lavoro da casa dell’azienda resteranno valide anche per tutti i suoi uffici.

Forse potrebbero interessarti i nostri corsi online

Apple Store: chi ha lasciato il proprio smartphone o iPad all’interno dello Store per una riparazione dovrà aspettare

Apple ha chiuso tutti i suoi negozi al di fuori della Cina a marzo, poco dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva ufficialmente dichiarato COVID-19 una pandemia. Il piano originale di Apple era di riaprire il 27 marzo. Il piano si è arenato fino a quando la società non ha pubblicato un messaggio sul suo sito Web il quale diceva ai clienti che i suoi negozi rimarranno chiusi “fino a nuovo avviso”. In una precedente nota interna di O’Brien, si legge di una comunicazione ai membri dello staff: “Apple potrebbe iniziare a riaprire i negozi all’inizio di aprile“, ma ciò non sarà ancora possibile.

OnePlus, lo smartphone di fascia media potrebbe chiamarsi OnePlus Z

Una nuova voce sostiene che il prossimo mid-range di OnePlus verrà lanciato come “OnePlus Z.” Il dispositivo potrebbe essere dotato di un chipset MediaTek Dimensity 1000 5G e un display fluido a 90Hz. Il telefono di fascia media dovrebbe debuttare entro la fine dell’anno.

Tra due settimane, il produttore cinese di smartphone OnePlus dovrebbe presentare i suoi smartphone OnePlus 8 serie 5G. A differenza degli ultimi anni, tuttavia, si dice che la società rilasci un nuovo device di fascia media insieme ai telefoni di punta della serie 8. Mentre finora lo smartphone è stato chiamato OnePlus 8 Lite, nuove informazioni che sono emerse online suggeriscono il contrario.

Forse potrebbero interessarti i nostri corsi online

OnePlus, il device mid-range non si chiamerà OnePlus Lite

Secondo l’affidabile tipster Max Weinbach, il telefono non si chiamerà OnePlus 8 Lite. Invece, Weinbach afferma che il prossimo device mid-range di OnePlus debutterà con il nome di OnePlus Z. Questo device è dotato di un design simile ai telefoni OnePlus 8 e 8 Pro. Tuttavia, potrebbe non condividere le potenti specifiche hardware della serie 8.

Secondo le informazioni rivelate dal leaker Ishan Agarwal all’inizio di questo mese, OnePlus Z sarà alimentato da un chipset MediaTek Dimensity 1000. Si prevede inoltre un display AMOLED a 90Hz, simile allo standard OnePlus 8. Mentre il CEO di OnePlus Pete Lau ha recentemente confermato che la società annuncerà molto presto i telefoni della serie OnePlus 8, è probabile che OnePlus Z non debutterà insieme ai due telefoni di punta.

Alcune fonti indicano che il telefono di fascia media dovrebbe essere lanciato a luglio nella maggior parte dei mercati.

INPS: blocco delle pensioni a Maggio, la Garanzia arriva dallo Stato

nessun blocco pensioni inps

Dopo qualche rumor che ventilava ipotesi fantasiose sul blocco delle pensioni, il Governo ha tenuto a specificare che non ci sarà alcun rischio per i nostri pensionati. Qualsiasi cosa succeda le pensioni saranno garantite dallo Stato, così come rafforza il concetto il presidente dell’INPS Pasquale Tridico.

Il rumor si era ingrossato a seguito di una dichiarazione interpretata male dello stesso Tridico ospite al programma TV DiMartedì. L’affermazione “abbiamo i soldi per pagare fino al momento in cui è stato sospeso il pagamento dei contributi. Quindi fino a maggio non c’è problema di liquidità” è stata fraintesa e subito smentita a più riprese dal presidente INPS.

INPS: blocco delle pensioni a Maggio, la Garanzia arriva dallo Stato

C’è stata comunque qualche preoccupazione sul fatto che il pagamento dei contributi è sospeso per tutti i lavoratori in quarantena per l’emergenza coronavirus ma, come ha ribadito Tridico, le pensioni sarebbero comunque coperte dallo Stato.

Entro 30 giorni l’INPS erogherà gli emolumenti per chi è in cassa integrazione e per tutti gli autonomi e le partite IVA che faranno domanda per il bonus di 600 euro. “Tutte le prestazioni sociali hanno un limite di spesa, ma saranno rifinanziate. Le domande per bonus babysitter e i 600 euro agli autonomi si potranno fare sempre”.

Secondo i dati statistici dell’Istituto di Previdenza, all’inizio del 2020 erano in vigore 17,89 milioni di pensioni, per la maggioranza concernente pagamenti inferiori ai 750 euro mensili e per il 70% al di sotto dei 1.000 euro. La spesa per questi assegni è di 208,8 miliardi di euro, di cui 187 miliardi sostenuti dalle gestioni previdenziali e 21,8 da quelle assistenziali. L’importo medio delle pensioni è di 11.559 euro l’anno.

Honor Play 9A passa da TENAA: confermate le specifiche tecniche

Qualche giorno fa il noto leaker Ishan Agarwal ci aveva rivelato sia il design sia gran parte delle presunte specifiche tecniche del prossimo smartphone entry-level di Honor, cioè il nuovo Honor Play 9A. Nel corso delle ultime ore, però, lo smartphone dell’azienda cinese è stato certificato dall’ente TENAA, dandoci ulteriori conferme.

Confermate le specifiche tecniche del nuovo entry-level di Honor

Sembra che il debutto ufficiale di questo nuovo device di fascia medio-bassa sia ormai vicino. Come già accennato, infatti, il device è stato certificato dall’ente cinese TENAA. Sul portale in questione, in particolare, sono state riportate numerose specifiche tecniche che combaciano in gran parte con quanto trapelato online qualche giorno fa.

Display, processore, design, fotocamere: tutto è stato confermato. Quello che invece risulta leggermente diverso è la capacità della batteria. Stando a quanto riportato su TENAA, infatti, la batteria del nuovo device di Honor avrà una capienza di 4800 mAh, mentre i rumors precedenti parlavano di una batteria da 5000 mAh. Il resto delle specifiche tecniche, comunque, risulta in linea con i rumors e i leaks trapelati finora. Di seguito vi riassumiamo brevemente le presunte specifiche tecniche del dispositivo.

Honor Play 9A – presunte specifiche tecniche

  • Display IPS LCD con una diagonale pari a 6.3 pollici in risoluzione FullHD+ con un nocth a goccia centrale
  • Processore MediaTek Helio P35
  • Tagli di memoria: 4 GB di RAM e 64 GB oppure 128 GB di storage interno
  • Dual camera posteriore con sensori fotografici da 13 e 2 megapixel
  • Fotocamera anteriore da 8 megapixel
  • Batteria da 4800 mAh con ricarica rapida da 10W
  • Sistema operativo Android 10 con interfaccia utente Magic UI 3.0
  • Dimensioni: 159.07×74.06×9.04 mm
  • Peso: 185 grammi
  • Colorazioni: Black, Blue, Green

Truffe online: la frode più frequente si nasconde dietro queste email

Il tentativo di frode online più frequente si nasconde dietro email che si presentano a numerosi utenti ponendosi l’obiettivo di rubare loro informazioni sensibili dalle quali poter ottenere un guadagno illecito. La truffa online, che prende il nome di phishing, utilizza strategie ben precise. Ma fa leva soprattutto sull’inganno psicologico, senza il quale sarebbe quasi impossibile per i malfattori portare a termine il colpo.

Truffe online: occhio alle email phishing!

Le email phishing continuano ad essere frequenti nonostante le numerose truffe online giornalmente messe a punto dai cyber-criminali. Queste arrivano a quanti più utenti con l’intento di ingannarli psicologicamente; e, a tal proposito, utilizzano comunicazioni fittizie provenienti apparentemente da parte di aziende, banche e marchi conosciuti.

Il tono quasi sempre intimidatorio che caratterizza il testo di queste email permette ai malfattori di attirare l’attenzione degli utenti. Spesso, infatti, i messaggi riguardano problemi riscontrati da parte di banche che comunicano ai clienti di aver dovuto sospendere o bloccare carte e conti correnti.

Le mail continuano informando gli utenti di avere la possibilità di risolvere i disguidi riscontrati eseguendo semplici operazioni, come aggiornare le credenziali di accesso al conto online. La truffa così potrà dirsi andata a buon fine per i criminali, i quali esortano le vittime a eseguire tale passaggio effettuando l’accesso ad una pagina fraudolenta, il cui link è inserito alla fine del testo. Una volta forniti i dati richiesti, questi saranno automaticamente offerti ai cyber-criminali che avranno la possibilità di terminare la truffa prelevando tutti i risparmi.

In sostanza la truffa sarà inconsapevolmente autorizzata da vittime persuase e ingannate; convinte di aver la possibilità di tutelare i loro risparmi e ignare della reale natura dei messaggi ricevuti. Di conseguenza proprio le stesse vittime possono prevenire il tentativo di frode; identificando le email phishing ed evitando assolutamente di fornire codici, password e credenziali soltanto perché richieste da email e messaggi sospetti.

Recensione OPPO FIND X2 PRO: il re indiscusso del panorama Android

Recensione OPPO FIND X2 PRO

Oppo Find X2 Pro

Che il 2020 fosse l’anno in cui i produttori di smartphone si sarebbero sfidati a colpi d’innovazione e di schede tecniche si sapeva dall’uscita del Galaxy S20 Ultra. Ma dopo aver testato OPPO Find X2 Pro possiamo dire che forse è il miglior device Android sul mercato. Ovviamente il prezzo è leggermente ritoccato verso l’alto rispetto al passato del produttore cinese, ma una maggior cura nella qualità costruttiva, nei dettagli, nelle rifiniture, e nel software e nelle fotocamere lo rendono il dispositivo quasi perfetto.

Parliamo di uno smartphone che si deve confrontare con device come Galaxy S20 Ultra ma, non solo costa 200 euro in meno, il Find X2 Pro ha anche una serie di chicche che mancano sul top di gamma Samsung. Una su tutte? Questo telefono ha il display con risoluzione QhD+ e refresh rate 120 Hz!

Descrizione del device

Oppo Find X2 Pro

OPPO Find X2 Pro è un device ampio con un display da 6,7” e forse dal punto di vista del design non colpisce subito l’occhio del potenziale acquirente. Tuttavia la qualità costruttiva e l’attenzione ai piccoli particolari vi farà subito capire di avere tra le mani un oggetto davvero premium.

La colorazione arancio in pelle è forse più adatta a un pubblico femminile ma, tant’è, a noi uomini è piaciuto un sacco. In un panorama d’inizio 2020 un po’ scarso di novità, OPPO Find X2 Pro è una felice conferma del design già visto su altri device del produttore cinese. Sulla back cover spicca un blocco fotocamere a semaforo davvero importante sulla parte alta sinistra che, se usato su una superficie piana, si fa sentire. Ma le prestazioni al top a volte devono scendere a compromessi, e vi assicuriamo che quanto dimostra il Find X2 Pro difficilmente lo potete ritrovare su altri device.

Oppo Find X2 Pro

Come da trend del 2020, anche questo OPPO non ha il jack audio da 3,5mm sul lato corto basso ma troveranno spazio la porta USB type-C, l’altoparlante di sistema e il carrellino per le SIM. Il bilanciere del volume è posizionato sulla scocca a sinistra, mentre sul lato destro trova posto il tasto di accensione contrassegnato da una finitura in verde.

Display e hardware

Oppo Find X2 Pro

Se avete guardato la nostra video recensione vi accorgerete che il display di OPPO Find X2 Pro è davvero curvo, andando in controtendenza a quanto fatto da Samsung in questi mesi. Ma se su altri device come Mate 30 abbiamo riscontrato tocchi involontari sui lati bombati dello schermo, il software OPPO ci ha davvero stupito nel prevenire queste problematiche.

Ma parliamo del display di questo smartphone top di gamma, poiché non c’è nulla che possa differire nel pannello di Find X2 Pro rispetto a quelli di brand decisamente più costosi sul mercato. È vero che questo device non è certo economico ma vi possiamo assicurare che il primo impatto di questo display è stato strabiliante. Il fatto che sia completamente borderless passa quasi in secondo piano, poiché verremo rapiti dalla bellezza di un pannello AMOLED davvero eccezionale. E il fatto che la massima risoluzione QHD+ è sfruttabile a 120 Hz è un unicum nel mercato attuale, con una sensibilità e prontezza di risposta al tocco davvero migliorata.

Il voto che possiamo dare al display? Senza dubbio un 10:per i colori, la luminosità, la visuale sotto fonti dirette di luce, sarà per gli oltre 500 ppi e i 1.200 Nits. Insomma abbiamo al cospetto un pannello davvero fantastico.

Funzioni di sblocco e software

Il display non avrebbe soluzione di continuità se non fosse per quel piccolo foro in alto a sinistra che ospita la fotocamera anteriore. Sensore che tra l’altro offre lo sblocco con il Face ID più veloce che abbiamo mai provato nel mondo Android: solo OnePlus 7T Pro può stargli dietro. Ad ogni modo permane il comodo sensore per le impronte digitali posto sotto al pannello.

Se proprio dobbiamo trovare un neo su questo OPPO Find X2 Pro è sul lato software, poiché il bordo in basso a destra del pannello dove di solito troviamo l’icona per registrare i vocali su Whatsapp non è particolarmente sensibile. Probabilmente è segno che il software ColorS è ancora acerbo e necessita di ulteriori update, quindi concediamo ogni attenuante.

La ColorS 7.1 basata su Android 10 è l’ultimo sforzo di OPPO introdotto proprio sul Find X2 Pro, e si denota subito al primo utilizzo la volontà del produttore di occidentalizzare i propri smartphone per conquistare anche il mercato europeo. L’interfaccia è stata completamente rivisitata: viene stravolta in salsa minimal, perdendo forse qualche utile funzione proprietaria per avvicinarsi all’essenzialità di un Android Stock. Ad ogni modo nel menu impostazioni potremo cambiare ogni tipo di settaggio, anche quelli riservati agli sviluppatori.

Parlare della profondità del software ci vorrebbe un’altra recensione, ma vogliamo puntualizzare che la modalità Dark nel telefono è davvero eccellente.

Hardware e Comparto fotografico

Ovviamente a muovere cotanta bellezza ci pensa l’ultimo processore Qualcomm Snapdragon 865, supportato da 12 GB di memoria RAM e 512 GB di storage interno UFS 3.0. Inutile parlarvi del fatto che in questa configurazione lo smartphone va da una bomba, e muoversi dentro i menu e attraverso le varia app è un vero piacere. Mai e poi mai il nostro recensore ha accusato alcun tipo di indecisione o rallentamento.

Oltre a display e hardware, il punto di maggior forza di OPPO Find X2 Pro è il comparto fotografico. Nella parte posteriore troveremo un sensore principale da 48 MP, un altro 48 MP di tipo wide angle e un periscopio che permette scatti con zoom fino a 60x. Se il portale DXOMARK ha dato il punteggio più alto mai assegnato a un gruppo fotocamere ci sarà un motivo, ed effettivamente confermiamo che è il miglior pacchetto di sensori mai provato in uno smartphone!

Gli scatti sono ottimi in qualsiasi condizione: non dovete preoccuparvi della gamma cromatica, del bilanciamento del bianco e nemmeno del controluce, mentre in notturna ha quella marcia in più che altri smartphone non hanno. Un comparto che eguaglia l’affidabilità dei Samsung serie S, il cui unico neo risiede nel periscopio che se utilizzato fino a 60x avrà una qualità nettamente inferiore.

Morbida e piacevole è la modalità ritratto, anche se la fotocamera anteriore non raggiunge il top di quella nella back cover. Infine, una cosa che davvero ci ha strabiliato è la stabilizzazione nei video. Mai visto niente del genere.

Autonomia e altre feature

Prima di parlare di autonomia vorremmo spendere quattro parole in favore dell’eccellenza della parte telefonica di OPPO Find X2 Pro. Ci capita di testare numerosi smartphone e questa volta abbiamo riscontrato un cambio cella veloce e un segnale captato migliore di altri device. Il suono sia in altoparlante che in capsula è davvero eccellente.

Parlando di capacità della batteria, tanta potenza unita a un uso stress con 8 mail in push e le app social che utilizziamo tutti i giorni, non ha permesso al telefono di arrivare a sera. Quindi se siete dei veri geek come noi, i 4.260 mAh della batteria potrebbero non essere sufficienti, però la ricarica rapida Super VOC da 65W permetterà di avere da 0 al 100% di autonomia in soli 38 minuti!

Conclusioni

Venendo alla fine di questa lunga trattazione, che OPPO Find X2 Pro meritava senz’altro, possiamo dire che questo è lo smartphone da battere attualmente. Se il riferimento è il Galaxy S20 Ultra allora è nettamente superiore, anche per il prezzo. Il miglioramento del software è stato incredibile e necessita solo di qualche piccolo accorgimento, mentre per il resto non abbiamo nulla da eccepire. In Italia il Find X2 Pro arriverà ufficialmente l’8 maggio 2020 a 1.199 euro di listino nell’unica configurazione disponibile 12/512 GB.

Oppo Find X2 Pro

1.199 euro

Oppo Find X2 Pro

Qualità e materiali costruttivi

10.0/10

Prestazioni

10.0/10

Batteria

9.0/10

Prezzo

9.0/10

Fotocamere

10.0/10

Pro

  • Display QHD+ a 120 Hz
  • Fotocamere da battere
  • Qualità costruttiva
  • Face ID
  • Stabilizzazione video

Contro

  • Autonomia
  • Software impreciso

Sky: le 4 serie da non perdere assolutamente in questi giorni

sky

“Cosa posso fare in questi giorni chiuso in casa?” è la domanda che molti di noi ci stiamo facendo per via delle restrizioni di sicurezza prese. Sebbene nella nuova era ci siano diverse piattaforme come Netflix e tante altre… la risposta potete trovarla anche in SKY. Qui sotto riporterò una lista delle migliori serie tv da vedere:

Chernobyl

Mini serie di 5 episodi visibile anche su Sky On Demand. Chernobyl narra la storia dell’incidente nella centrale nucleare avvenuto nell’ormai lontano 1986. Nel corso delle puntate vengono descritti gli eventi che hanno causato tale disastro e le storie degli eroi che hanno contribuito nel contenerlo salvando molte vite. La serie racconta le vicende senza renderle oggetto di spettacolo, mantenendo quindi la loro drammaticità.

Il Trono di Spade

Noto in tutto il mondo con il nome di Game of Thrones, è divenuto un vero fenomeno di culto contribuendo la crescita del numero di appassionati della serie tv. Nelle otto stagioni la serie racconta le avventure di molti personaggi ed è ambientata in un mondo immaginario formato dal continente Occidentale (Westeros) e da quello Orientale (Essos). Il centro dell’Occidente è la città capitale Approdo del Re, dove si trova il Trono di Spade dei Sette Regni. La lotta per la conquista del trono porta le più potenti e nobili famiglie del continente a scontrarsi o allearsi tra loro.

Gomorra

Serie dalla particolare ambientazione, Gomorra si apre con l’assassinio di un gangster. Questo è l’inizio della faida tra il clan camorrista dei Di Lauro, che regolano i quartieri di Scampia e Secondigliano, e gli scissionisti (o separatisti), il gruppo di Raffaele Amato, fratello di due degli uomini uccisi nella prima scena. Il film intreccia cinque storie separate, di criminali.

Watchmen

Serie tratta dal fumetto di Alan Moore, è difatti il sequel che segue però una linea temporale diversa da quella originale. Termina infatti diversamente dal solito. 

Poste Italiane: mail azzera conto corrente con la truffa

Bisogna stare attenti alla truffa che viaggia per le email di Poste Italiane. Sembra che una comunicazione sia stata inoltrata dai tecnici del gruppo italiano ma in realtà si scopre che il finto premio promesso ai clienti sia solo un modo per truffare.

In rete la posta elettronica in arrivo non viene segnalata come spam e finisce per azzerare il conto dei clienti con una fake news. Il tutto si accompagna poi ad un link contraffatto che completo l’attacco mettendo tutti nei guai. Spieghiamo l’oggetto e le dinamiche dell’inedito episodio.

Poste Italiane: una mail diventa pericolosa per i clienti con conto corrente

Il tempo del phishing è tornato anche per gli utenti Poste Italiane che incontrano una tempesta di strane email che annunciano in regalo un ipotetico iPhone 11 Pro Max, il top di gamma Apple che tutti quanti vorrebbero.

La possibilità di riceverlo gratis a casa ha fatto gola ad un numero imprecisato di persone. Sono tutti clienti che hanno ricevuto in questi giorni un’amara delusione dopo la scoperta della frode.

Forse potrebbero interessarti i nostri corsi online

Stando alle segnalazioni una cosa del tutto simile si diffonde anche mezzo SMS con comunicazioni che fanno capo al parallelo fenomeno dello smishing che insieme al pharming (contraffazione URL dei siti) completa in tutto e per tutto l’attacco.

Si passa quindi da un annuncio ad un vero e proprio ladrocinio di dati sensibili ed info conto. Con in mano i dettagli del log-in e delle nostre generalità anagrafiche gli hacker entrano nel profilo e svuotano cassa.

Il numero di truffe notificate in questi giorni è aumentato mosso dal desiderio degli utenti di ricevere un fantastico smartphone omaggio. Ricordate che nessuno regala mai niente e che email di questo tipo sono sempre da considerarsi poco attendibili.

Xiaomi Black Shark 3 e Black Shark 3 Pro ufficiali, le caratteristiche

Dopo mesi di rumors e indiscrezioni, i nuovi smartphone da Gaming di casa Xiaomi, Black Shark 3 e Black Shark 3 Pro sono finalmente ufficiali. Uno degli aspetti più interessanti, è il nuovo sistema per la ricarica rapida: Xiaomi Black Shark 3 dispongono di una porta di ricarica magnetica sul pannello posteriore pensata per offrire una migliore ergonomia per gli utenti che desiderano giocare anche mentre il dispositivo è in carica.

Se la variante base supporta la ricarica rapida da 30 W, Xiaomi Black Shark 3 Pro supporta, invece, la ricarica rapida da 65 W, in grado di ricaricare il 60% della batteria in quindici minuti. Entrambi gli smartphone, poi, sono alimentati da un SoC Qualcomm Snapdragon 865 con modem 5G integrato, divenendo i primi Gaming phone al mondo compatibili con le Reti di quinta generazione.

Xiaomi Black Shark 3, le caratteristiche

Xiaomi Black Shark 3 è dotato di uno schermo AMOLED da 6,67 pollici con risoluzione a 1080p. Il SoC Qualcomm Snapdragon 865 è accompagnato da 8 GB di RAM LPDDR4X o 12 GB di RAM LPDDR5, e da 128 GB o 256 GB di spazio di archiviazione interna UFS 3.0.

Per quanto riguarda il comparto fotografico, sul retro troviamo una tripla fotocamera con un sensore principale da 64 MP, accompagnato da una lente ultra-wide da 13 MP e da un sensore di profondità di campo da 5 MP. La fotocamera frontale per selfie, invece, è da 20 MP.

Tra le altre caratteristiche: batteria da 4.720 mAh a due celle di ricarica, connettività 5G, Bluetooth 5, WiFi 6 e porta USB di tipo C. Lo smartphone è disponibile nelle colorazioni Faerie Pink, Midnight Black, Knight Grey e Frozen Silver.

Xiaomi Black Shark 3 Pro, le caratteristiche

Xiaomi Black Shark 3 Pro presenta uno schermo AMOLED da 7,1 pollici con risoluzione a 1440p. Al SoC Snapdragon 865 fanno compagnia 8 GB o 12 GB di RAM LPDDR5, 256 GB di memoria interna UFS 3.0.

Per quanto riguarda il comparto fotografico, questo è lo stesso della variante base: tripla fotocamera posteriore con sensore principale da 64 MP, lente ultra-wide da 13 MP e sensore di profondità di campo da 5 MP, accompagnato da una fotocamera per selfie da 20 MP.

Tra le altre caratteristiche: batteria da 5.000 mAh a cinque celle di ricarica, connettività 5G, Bluetooth 5, WiFi 6 e porta USB di tipo C. Lo smartphone è disponibile nelle colorazioni Knight Grey e Blasting Black.